CHI SIAMO

La casa editrice UTET è la più antica d’Italia. Nasce nel 1791 a Torino, dall’attività del libraio Giovanni Pomba. Avrà un ruolo centrale nella crescita culturale degli italiani dal Risorgimento ad oggi. Dalle sue origini l’obiettivo della casa editrice è sempre stato quello di diffondere il sapere distinguendosi per autorevolezza e prestigio.

Nel 2013 l’incontro tra UTET Grandi Opere - il ramo della casa editrice storicamente specializzato nelle opere di cultura e di pregio - con l'editore d’arte FMR, ha dato vita alla nascita del più importante polo europeo del libro di pregio. La mission del Gruppo UTET Grandi Opere-FMR è oggi quella di fare del libro di alta qualità nei testi, nell’iconografia e nella veste editoriale, uno strumento di crescita personale.

Il Gruppo UTET Grandi Opere FMR è parte di Cose Belle d’Italia, un’iniziativa imprenditoriale che aggrega realtà italiane rappresentanti l’eccellenza del Made in Italy.
Cose Belle d’Italia le acquista, le conserva e valorizza all’interno di un sistema integrato che si richiama ai valori eterni della bellezza, della cultura e del “bel vivere” italiani. La società opera trasversalmente in tutti i settori, creando valore e favorendo il propagarsi delle stesse eccellenze tra le partecipate. Controllata di Europa Investimenti, Cose Belle d’Italia nasce nel 2013 in seguito alla definizione del proprio “Manifesto”, che fissa i punti cardine cui si ispirano la visione e la missione della società (cosebelleditalia.com).
 
Il fondatore: Giuseppe Pomba
Nato nel 1795, Giuseppe Pomba è il vero Padre fondatore della casa editrice. Appena quindicenne ereditò l’attività di libraio avviata dal padre Giovanni nel 1791, e la gestì insieme allo zio paterno. Non ancora ventenne acquistò una piccola tipografia di provincia. Faceva già parte dei suoi sogni poter produrre da sé ciò che richiedeva il mercato. Strappato prestissimo agli studi per la prematura morte del padre, divenne autodidatta sviluppando una straordinaria sensibilità culturale e civile. Uomo di grandi progetti, ma anche di grande concretezza, Pomba fu il primo venditore di libri moderno: non esitò infatti a dedicarsi direttamente alla ricerca di clienti che potessero sostenere le sue iniziative editoriali. Realizzò così il suo primo sogno: pubblicare una grande collezione di Classici (la Biblioteca Popolare del 1828). Ma molti sono i progetti all’avanguardia realizzati da Giuseppe Pomba. Molte le felici scelte editoriali che hanno colto in anticipo le esigenze culturali del nostro Paese: la prima rivista periodica illustrata italiana (Il Teatro Universale, 1834),la prima enciclopedia italiana (L’Enciclopedia Popolare, 1841), il primo Dizionario della Lingua Italiana (pubblicato proprio a partire dal 1861). E nel 1871, UTET pubblica, per prima volta in Italia, gli scritti di Charles Darwin. Significative sono anche le innovazioni tecnologiche nel campo della stampa introdotte da Pomba per la prima volta in Italia: il torchio meccanico nel 1830 e la pressa a vapore nel 1847. Nel 1854 la casa editrice acquisisce la denominazione UTET, acronimo di Unione Tipografico Editrice Torinese. Si sottolinea così l’unione, essenziale per Giuseppe Pomba, degli aspetti editoriali con quelli produttivi e commerciali. Anche sotto questo aspetto la Casa editrice precorre i tempi, anticipando le caratteristiche delle aziende editoriali moderne. Insomma, Giuseppe Pomba è stato un uomo non soltanto capace di tenere insieme cultura, capacità tecniche e intelligenza imprenditoriale, ma anche un grande italiano consapevole che queste tre doti nulla possono una senza l’altra.


Le grandi opere di sintesi culturale
La vocazione storica della nostra casa editrice è dar vita non solo a contributi scientifici specifici ma soprattutto a grandi opere di sintesi culturale destinate ad essere punto di riferimento sia per specialisti delle singole discipline, sia per un pubblico più vasto. Ricordiamo alcuni titoli“storici” del ‘900: il Grande Dizionario Enciclopedico diretto da Pietro Fedele (prima edizione 1933), la Storia della filosofia di Nicola Abbagnano (prima edizione 1946), la Collana Storia d’Italia diretta da Giuseppe Galasso. Questa grande tradizione è oggi rappresentata da La Cultura Italiana (2009), monumentale pubblicazione in 12 volumi diretta da Luigi Luca Cavalli Sforza, da Ecosphera (2010), grande opera dedicata al rapporto uomo/ambiente diretta da Niles Eldredge e Telmo Pievani; da Letteratura italiana. Canone dei Classici (2012), in 8 volumi, diretta e curata da Carlo Ossola e poi la Storia d’Europa (2013), in 4 volumi, di Giuseppe Galasso, la Letteratura Europea (2014), in 5 volumi, curata da Piero Boitani e Massimo Fusillo, la Cultura del cibo (2015), in 4 volumi, diretta da Massimo Montanari, i volumi tematici Expo (2015) diretto da Alberto Abruzzese e curato da Luca Massidda, Giubilei (2016) diretto da Alberto Abruzzese e Andrea Pollarini, curato da Luca Massidda, e infine l'aggiornamento enciclopedico, alfabetico e tematico, in 4 volumi (2015).

 

La casa editrice che ha unito l’Italia nel nome dei valori della cultura


La divulgazione di qualità
La divulgazione di qualità UTET ha unito l’Italia. La sua produzione spazia storicamente dalle discipline umanistiche a quelle scientifiche, dal mondo della tecnica a quello della giurisprudenza. Di particolare rilievo è l’impegno nel campo della lessicografia e in quello dei testi classici con apparati critici originali. La grande Collezione dei Classici - oltre 300 volumi di letteratura italiana, latina e greca, filosofia, religione, economia, pedagogia, politica, psicologia, storiografia - rappresenta un unicum nel panorama editoriale del nostro Paese.

Un vero monumento alla lingua italiana
A distanza di 100 anni dalla pubblicazione del Dizionario del Tommaseo, nel 1961 UTET affida a Salvatore Battaglia la realizzazione di un’opera che non ha pari al mondo: il Grande Dizionario della Lingua Italiana (21 volumi per 23.000 pagine e milioni di citazioni tratte da oltre 14.000 testi di scrittori, poeti e giornalisti). La sua impegnativa pubblicazione è durata quarant’anni.

Una casa editrice portavoce di valori civili
Nel 2005 ha avuto l’avvio il filone editoriale ispirato a valori etici e civili con la pubblicazione di due grandi opere coordinate e dirette da Marcello Flores e con il contributo di autori internazionali: Storia della Shoah (la più completa documentazione sulla tragedia dell’ Olocausto ) e Diritti Umani (2006) che fa il punto sulla cultura dei diritti umani nel mondo.
 

Il prestigio di grandi autori


Autorevoli firme della cultura
La nostra casa editrice ha sempre potuto contare sulla collaborazione di prestigiosi nomi della cultura, garanzia di autorevolezza e del massimo livello dei contenuti. Alcuni esempi: Nicolò Tommaseo, linguista e scrittore del Risorgimento; Salvatore Battaglia, filologo e critico letterario; Nicola Abbagnano, filosofo; Giuseppe Galasso, storico e uomo politico, già docente universitario, accademico dei Lincei; Tullio De Mauro, linguista, già docente universitario, già ministro della pubblica istruzione; Edoardo Sanguineti, poeta dell’ avanguardia italiana e docente universitario; Luigi Luca Cavalli Sforza, scienziato e genetista, docente universitario, membro della Royal Society, accademico dei Lincei; Carlo Ossola, accademico dei Lincei, docente universitario, direttore dell’Istituto di studi italiani di Lugano; Piero Boitani, professore ordinario di Letterature comparate all’Università La Sapienza di Roma; Massimo Montanari, professore di Storia medievale e Storia dell’Alimentazione all’Università di Bologna; Alberto Abruzzese, sociologo della comunicazione, già docente all’università IULM di Milano;  Luca Massidda docente di Sociologia Urbana presso la Scuola di Architettura e Design di Ascoli Piceno, Università di Camerino.

 

L’alta cultura e l’arte del libro


Tradizione e nuove tecnologie
Nel 2004 ha inizio la produzione diretta di riproduzioni in facsimile di preziosi manoscritti antichi tra le quali ricordiamo La Flora (2006), La Divina Commedia (2009), Trionfi di Petrarca (2011). A partire dal 2009, la casa editrice si dedica alla produzione di opere di pregio a tiratura limitata e numerata. L’obiettivo è unire alla tradizionale cura dei testi d’autore tutta la bellezza del libro come oggetto da custodire e di cui apprezzare le qualità tecniche ed estetiche. I temi sono quelli del grande patrimonio culturale, letterario e artistico italiano. Nascono così: Musica e Amore (2009), dedicato alla musica lirica, Ecclesia (2010) sull’architettura delle grandi cattedrali, Il Numero d’Oro, libro d’artista di Ugo Nespolo (2010), Sindone (2010), Verdi. L’Uomo, l’Artista, il Mito (2011), 1861 (2011), Genesi (2012), Scrigno d’arte.L’Annunciazione (2012), Pompei (2012), Il Palazzo del Quirinale (2013), Omaggio all’Europa (2013), La Divina Commedia (2013), Odissea (2015), La BIBBIA nella cultura e nell'arte (2016) e I VANGELI nella cultura e nell'arte (2016).

La Collana Visioni impossibili riunisce opere di pregio realizzate grazie a campagne fotografiche speciali: centinaia di scatti di piccole porzioni di un soggetto vengono ricomposti da un software in una unica immagine ad altissima risoluzione. Solo così si ottengono in stampa spettacolari ingrandimenti di dettagli di dipinti o affreschi con perfetta definizione. Nascono così Giotto e la Cappella degli Scrovegni (2008), Beato Angelico al Convento di San Marco a Firenze (2010), Francesco d’Assisi negli affreschi di Giotto (2011), Botticelli agli Uffizi (2012), Caravaggio, genio d'Europa (2017).

 

Un primato culturale riconosciuto


Le partnership prestigiose
La nostra è una delle poche case editrici in Italia che nella realizzazione dei propri progetti può vantare la collaborazione con le più prestigiose Istituzioni culturali italiane e straniere tra cui: la Biblioteca Marciana di Venezia, la Biblioteca Nazionale di Firenze, il Museo della Sindone, il Comitato Internazionale di Sindonologia ed il Museo del Risorgimento di Torino, la Galleria degli Uffizi e il Polo Museale della città di Firenze, la Biblioteca Nazionale e il Museo Archeologico di Napoli, la British Library di Londra, la Biblioteca Austriaca Nazionale di Vienna.

Le consegne ufficiali
Numerose nostre opere sono state ufficialmente consegnate in occasioni solenni al Presidente della Repubblica e al Santo Padre.

Il Presidente Napolitano sfoglia la Letteratura Italiana UTET