UTET Grandi Opere e Cose Belle d'Italia raccontano Caravaggio

La Sala Maria Teresa della Biblioteca Braidense ha ospitato, nella serata di giovedì 9 marzo, l’evento “CARAVAGGIO - Arte, Musica e Scena”, incontro dedicato al grande artista promosso dalla Casa editrice UTET Grandi Opere e da Cose Belle d’ Italia in occasione della presentazione dell’opera “Caravaggio, genio d’Europa”, volume di pregio a cura di uno dei maggiori esperti al mondo, la storica dell’arte Rossella Vodret, già Soprintendente del polo museale di Roma.
Per il grande formato assolutamente unico e per la qualità della stampa e delle immagini (realizzate con tecniche sofisticate in altissima definizione), si tratta dell’opera celebrativa per eccellenza di Caravaggio. Il volume fa parte della collana “Visioni Impossibili” che è così denominata perché gli eccezionali ingrandimenti delle immagini offrono all’osservatore l’emozione di un rapporto ravvicinato con l’arte di Caravaggio che spesso nemmeno la visione diretta dei capolavori rende possibile.
Dopo il saluto introduttivo di James Bradburne, Direttore generale della Pinacoteca di Brera, sono intervenuti: Enrico Cravetto, Direttore Editoriale UTET Grandi Opere, Fabio Isman, Giornalista e scrittore, Francesca Cappelletti, Vice Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e Paesaggistici (Mibact) e Professore di Storia dell’Arte dei Paesi Europei, Università di FerraraRaffaella Morselli, Prorettore e Professore di Storia dell’Arte Moderna, Università di Teramo e Angelo Longoni, regista. Gli interventi dei relatori sono stati scanditi dal soprano Angela Alesci e dal liutista Massimo Lonardi, che hanno deliziato il pubblico con brani musicali tratti da spartiti raffigurati in alcuni dipinti del Caravaggio.

Per saperne di più ...

UTET Grandi Opere consegna al Ministro Franceschini la prima copia del volume Caravaggio, genio d’Europa

Franceschini: "prezioso tassello dell’opera critica dedicata a Caravaggio"

Il Presidente e l’Amministratore Delegato della Casa editrice UTET Grandi Opere, Fabio Lazzari e Marco Castelluzzo, insieme all’Amministratore Delegato di Cose Belle d’Italia, Mauro Gilardi hanno consegnato al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, la prima copia del volume Caravaggio, genio d’Europa per la collana di UTET Grandi Opere “Visioni impossibili”, nell’ambito della quale sono già stati pubblicati analoghi volumi dedicati a Giotto, Beato Angelico e Botticelli.

La stesura dei testi è stata affidata alla cura di Rossella Vodret, autrice di numerosi studi su Caravaggio e curatrice di molteplici mostre caravaggesche, già Soprintendente  speciale per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico e per il Polo museale della città di Roma dal 2009 al 2012. Il volume è corredato da 125 immagini fotografiche ad altissima definizione e da 10 tavole applicate realizzate con stampa a getto d’inchiostro a 12 colori su tela prodotta dalla cartiera tedesca Hahnemühle con particolari di alcuni dipinti.

“Editoria e arte, due grandi eccellenze italiane, si incontrano in questo volume che illustra, grazie a una stampa ad altissima definizione, il fascino e la maestria di uno dei più grandi autori della storia dell’arte europea. Rigore scientifico, narrazione efficace, cura editoriale e apparato iconografico rendono il libro un prezioso tassello dell’opera critica dedicata a Caravaggio”. Così il Ministro Franceschini al termine dell’incontro.

La pubblicazione è il frutto della collaborazione tra diverse realtà editoriali, quali UTET Grandi Opere e FMR che appartengono al gruppo Cose Belle d’Italia.

Per saperne di più... 

In ricordo di Tullio De Mauro

Il 5 gennaio 2017 ci ha lasciati Tullio De Mauro, insigne linguista e influente protagonista della cultura italiana del Novecento. 

Nato a Torre Annunziata nel 1932, De Mauro ha svolto una intensa attività accademica alla Sapienza di Roma e in varie altre università, insegnando linguistica e filosofia del linguaggio, e ha ricoperto incarichi di grande prestigio quali la presidenza della Società di Linguistica Italiana e della Società Italiana di Filosofia del Linguaggio; dal 2007 ha diretto la Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, presiedendo il Comitato direttivo del premio Strega. Egli ha partecipato attivamente alla vita culturale e politica del Paese non solo con la sua collaborazione a quotidiani e riviste, ma anche assumendo incarichi istituzionali, tra i quali primeggia la carica di ministro dell’Istruzione nel secondo governo Amato (2000-2001). Insignito di numerosi importanti riconoscimenti, fu nominato nel 1995 dal presidente della Repubblica Scalfaro Grande Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana e  nel 2001 dal presidente della Repubblica Ciampi Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica Italiana.

Della cospicua produzione scientifica di De Mauro ricordiamo la traduzione del “classico” Corso di linguistica generale di de Saussure, la Storia linguistica dell’Italia unita (1963), l’Introduzione alla semantica (1965), la Guida all’uso delle parole (1980), la Storia linguistica dell’Italia repubblicana (2014). Per la Utet, che ha avuto l’onore di annoverarlo tra i suoi più prestigiosi autori e che ha potuto contare per un trentennio sul suo inestimabile contributo di progetti e di suggerimenti, De Mauro ha progettato e diretto il monumentale Grande dizionario della lingua dell’uso, noto come GRADIT (6 volumi, 1999; 2° edizione in 8 volumi, 2007), il Primo Tesoro della Lingua Letteraria Italiana del Novecento (dvd, 2007), il Grande Dizionario dei sinonimi e contrari (2010). 

Nel 2016, nel segno del rapporto di grande cordialità e stima che ha contrassegnato la trentennale collaborazione tra il grande linguista e la casa editrice, De Mauro ha voluto prendere parte alla Strenna Utet 2017, dedicata all’attività svolta dalla casa editrice dalla sua fondazione a oggi nel campo della produzione lessicografica, facendoci dono di una “testimonianza” relativa alla genesi e realizzazione del progetto GRADIT di cui è stato il protagonista primario. Intendiamo rendere omaggio a Tullio De Mauro e ringraziarlo per il suo grande contributo alla presenza della Utet nel panorama della cultura italiana e per la sua amicizia pubblicando qui di seguito questa sua “testimonianza”.

"Memorie" del GRADIT di Tullio De Mauro

 

Il volume VANGELI e la ricerca del CENSIS presentati a Roma

 
 
Nella concomitante occasione del suo 225° anniversario e della chiusura del Giubileo Straordinario della Misericordia, la Casa Editrice UTET Grandi Opere, dal 2014 parte del Gruppo Cose Belle d’Italia, ha realizzato un’edizione di pregio a tiratura limitata di Vangeli, testo che più di ogni altro è alla base della nostra cultura e ha promosso la ricerca CENSIS “Il Vangelo secondo gli italiani” nell’ambito del programma “Misericordia 2016” che sono stati presentati il 28 ottobre 2016 a Roma, nella Sala della Biblioteca del CENSIS.
 
Sono intervenuti alla conferenza stampa: Giuseppe De Rita, Presidente del CENSIS; Giulio De Rita, Curatore della ricerca; Marco Damilano, Vicedirettore de l’Espresso; Monsignor Timothy Verdon, Direttore del Museo dell’Opera del Duomo di Firenze e autore del volume; Fabio Lazzari, Presidente di UTET Grandi Opere; Giuseppe Bergomi, artista e autore dell’opera di copertina.
 
Il 26 ottobre 2016 il primo esemplare del volume I VANGELI nella cultura e nell'arte è stato consegnato a Sua Santità Papa Francesco .
 
 
All'evento del 28 ottobre è stato dedicato il servizio di Rai News: 
"Gli italiani e il Vangelo"

Altri articoli...