ANTONIO CANOVA. Il segno della bellezza

Descrizione

L’opera Antonio Canova. Il segno della bellezza è stata realizzata in occasione dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale in tiratura limitata e numerata.  Si tratta di un’iniziativa editoriale che coinvolge e condensa in un volume tutte le massime competenze culturali, artistiche e artigianali per realizzare una vera e propria opera d’arte in forma di libro. Non solo il più importante e completo omaggio a Canova, ma un monumento al patrimonio culturale italiano.

Il volume,  contiene i testi redatti dallo storico dell’arte Giuseppe Pavanello, professore di Storia dell’Arte moderna presso l’Università di Trieste, raccolti in tre sezioni:

-Canova scultore

-Canova pittore, disegnatore e incisore

 -Come lavorava Canova

Il professor Giuseppe Pavanello ha realizzato un testo inedito nel quale ha descritto in maniera avvincente non solo l’inimitabile percorso umano e artistico di Canova attraverso i suoi capolavori in scultura, ma a questo ha affiancato la ricerca e lo studio delle sue maggiori opere attraverso i disegni, i bozzetti, i monocromi, i gessi, opere poco conosciute o addirittura inedite che mettono in luce un artista totalmente inconsueto e spesso ancora più innovativo di quanto si pensi. Innovativo anche nel metodo di lavoro, nell’organizzazione della sua bottega e nella realizzazione delle sue opere, nel quale scopriamo il segreto più grande di Canova, ossia come rendeva il marmo simile alla carne.

Le caratteristiche:

  • tiratura limitata e numerata di mille esemplari novecentosettantacinque contrassegnati da numeri arabi da 1/975 a 975/975 e venticinque contrassegnati da numeri romani da I/XXV a XVV/XVV. Sono destinati a rappresentanti delle Istituzioni, autori e artefici dell’opera 15 esemplari contrassegnati dalle lettere da A a Q
  • volume di circa 400 pagine nel formato chiuso di cm 34 x 48
  • ampio corpus iconografico  composto da più di 100 immagini di opere d’arte comprendenti fotografie degli interni della Gipsoteca di Possagno e riproduzioni fotografiche di pitture a tempera, pitture a monocromo, bozzetti, disegni e incisioni realizzate tramite campagne fotografiche ad hoc presso il Museo Canova di Possagno e la Sezione Canova del Museo Civico di Bassano del Grappa dal fotografo d’arte Alfredo Dagli Orti
  • oltre 70 immagini d’arte in bianco e nero dei marmi di Antonio Canova realizzate dal Maestro Mimmo Jodice, grande interprete della fotografia contemporanea, e riprese da originali stampati personalmente dal Maestro in camera oscura su carta baritata
  • le riproduzioni delle tempere sono stampate su carta Insize Modigliani gr.200 delle Cartiere Cordenons e applicate manualmente sulle pagine del volume
  • le immagini di Mimmo Jodice sono state stampate in tricromia su carta Symbol da gr. 250 delle Cartiere Fedrigoni presso la stamperia di Lamberto Pigini in Loreto. I testi sono stati composti in caratteri bodoniani tondi e corsivi e sono stati stampati, insieme alle altre immagini, presso la stamperia di Lamberto Pigini in Loreto su carta Natural Evolution da gr. 200 delle Cartiere Cordenons. La cucitura, la legatura e la copertina in pregiata pelle naturale di vitello, tinta alla botte in color grigio di Payne sono state eseguite con procedimento manuale presso la legatoria Arte del Libro in Todi
  • sulla coperta dell’opera è stata collocata un’immagine fotografica originale dal titolo Venere Italica di dimensioni mm. 280 x 420, stampata su carta Baryta Photographique e firmata personalmente dal Maestro Mimmo Jodice
  • è stata realizzata anche una versione top  che si differenzia per la presenza sulla copertina di un bassorilievo in marmo di cm 27 x 41 raffigurante Le tre danzatrici realizzato dal Maestro Luciano Massari da un originale di Antonio Canova in gesso conservato presso la Gipsoteca di Possagno.
    La tiratura della versione top è di 99 esemplari oltre a 3 esemplari contrassegnati dalle lettere da A, B e C destinati a rappresentanti delle Istituzioni e artefici dell’opera
  • l’opera è accompagnata da tre incisioni d’arte tratte da opere originali canoviane custodite presso il Museo Civico di Bassano del Grappa e realizzate al torchio secondo l’antica tecnica calcografica presso la Stamperia d’Arte di Luigi Berardinelli in Verona su carta Hahnemühle da gr. 300 in dimensioni 48 x 68 in mille esemplari più 15 destinati a rappresentanti delle Istituzioni, autori e artefici dell’opera.

Ciascun volume reca in corrispondenza del colophon il numero dell’esemplare e la firma autografa del Maestro Mimmo Jodice e dell’Editore.

Vai alla presentazione dell’opera.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “ANTONIO CANOVA. Il segno della bellezza”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *